NOTA! Questo sito utilizza "Cookie strettamente necessari" e "Cookie di Google Analytics".

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookies

I "cookies" sono delle informazioni che vengono trasferite sull'hard disk del computer dell'utente da un sito web.
Non si tratta di programmi, ma di piccoli file di testo che consentono ai siti web di memorizzare le informazioni sulla navigazione effettuata dall'utente e di rendere tali informazioni accessibili nel corso della navigazione sul web ad opera di altri siti che utilizzino questo strumenti.
La maggior parte dei siti web utilizza i cookie poiché fanno parte degli strumenti in grado di migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. I cookie permettono ai siti web di offrire servizi personalizzati (per esempio, ricordare un accesso, conservare i prodotti nel carrello o mostrare contenuti importanti).
Ci sono diversi tipi di cookie: i cookie temporanei (o cookie di sessione) che si cancellano automaticamente con la chiusura del browser e i cookie permanenti che non vengono cancellati ma restano finché non vengono appositamente cancellati o fino alla data di scadenza definita dal sito stesso.
La maggior parte dei browser accetta i cookie automaticamente; l'utente, tuttavia, può disattivare i cookie dal proprio browser, ma in tal caso occorre ricordare che si potrebbero perdere molte funzioni necessarie per un corretto funzionamento del sito web.
Quanto ai cookies in concreto utilizzati in questo sito, essi sono limitati a quelli normalmente definiti come "Cookie strettamente necessari", in quanto essenziali per la navigazione dell'utente nel sito web e per l'utilizzo delle sue funzionalità come l'accesso ad aree protette del sito e senza i quali i servizi richiesti dall'utente, come fare un acquisto, non possono essere forniti, ed a quelli noti come Targeting Cookie o Cookie di pubblicità, che, diversamente dai primi, vengono utilizzati per inviare annunci mirati all'utente in base ai suoi interessi. Sono anche utilizzati per limitare il numero di volte in cui l'utente visualizza una pubblicità e per valutare l'efficacia della campagna pubblicitaria. I cookie memorizzano il sito web visitato dall'utente e tale informazione viene condivisa con terze parti quali gli inserzionisti.
I browser più comunemente in uso consentono comunque la disabilitazione anche di questo genere di cookies.
Per la disattivazione dei cookie è possibile consultando la guida del proprio browser.
Per maggiori informazioni su Google Analytics puoi consultare: https://www.google.it/intl/it/policies/technologies/types/

Governare o rigovernare 100 piatti da lavare… offline!

Categoria
officinegaribaldi
Data
2018-03-07 21:00 - 23:30
Luogo
Officine Garibaldi
Telefono
0508068970
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
File Allegato

Il biglietto richiede un contributo di 8 euro, e 6 euro per il ridotto (under 14 e over 65).
È possibile prenotare gratuitamente un posto a sedere, e perferzionare il biglietto direttamente la sera stessa a partire dalle 20.30 il 7 marzo.

--> https://www.eventbrite.it/e/biglietti-governare-o-rigovernare-100-piatti-da-lavare-offline-43654344319

---

Le 100 metafore qui proposte si concentrano tutte su una attività quotidiana, come rigovernare. 

‘Rigovernare è come amare, non c'è niente da fare...ci tocca !... e speriamo offline’

La prospettiva del quotidiano e della collaborazione ci riguarda tutti ma in particolar modo le donne. L’attenzione e la cura fanno parte del quotidiano al quale va dato valore e forse anche poetizzato. 

Secondo il Manifesto Onlife (Floridi) l’attenzione è un bene prezioso, raro e finito. Secondo il Manifesto, la capacità e il diritto di concentrare la nostra attenzione sono fondamentali e condizione necessaria per autonomia, responsabilità, riflessività, pluralità, impegnarci e per dare significato alle cose. 

In questo nuovo umanesimo, la donna da sempre, Maestra, è stata colei che accoglieva, badava, curava, educava, riuniva, accudiva, riparava, consolava, trasmetteva, seppelliva, cuciva il quotidiano, afferrava il tutto per trasformarlo, lasciando la libertà all’uomo, per secoli, di andare.

L’uomo da canto suo è meravigliato di avere perso per sempre il primato, ma nello stesso tempo le fa spazio e le dice: Ora, vai avanti tu, oppure, andiamo avanti insieme.

Alcune donne vanno avanti, molte ci provano, molte falliscono, ma la maggior parte non ci prova nemmeno.

‘Governare o rigovernare’ si riferisce a questo, al governo della propria vita. Riappropriarsi dei propri spazi, tempi e pensieri, donna o uomo che sia ma con attenzione e cura dei propri gesti quotidiani per abbellire e umanizzare il mondo insieme. 

‘Ogni volta che rigoverno i piatti, rigoverno i miei pensieri, alcuni sono molto rozzi e grassi, altri leggeri e fini e quelli li metto sempre in prima fila nella rastrelliera’. 

‘Governare o rigovernare, offline’ vuole anche far riflettere sul ruolo del digitale nella nostra vita quotidiana: Lo spazio potrebbe coincidere con il momento presente? E’ necessario superare la dicotomia online-offline ma essere semplicemente ‘onlife’ (Floridi). Gli ambienti immersivi, la realtà aumentata, l’intelligenza artificiale ci aiuteranno in questo? 

‘Maremma impestata! Ma per le casalinghe…Qual è il vantaggio del digitale? I piatti son da fare e non online…offline’

oppure

‘Web3.0, IPhone 8, Samsung Galaxy S.8… io sono rimasta a Rigovernare.0’

Questo spettacolo è dedicato a tutte le donne che subiscono ancora una segregazione occupazionale e che non ci provano nemmeno a cercare un lavoro e continuano solo a rigovernare. Ma anche a tutti gli uomini, che hanno tenuto la staffetta per secoli, e che, forse, hanno bisogno di riposare e magari pure di …rigovernare. 

‘ Ho trovato un lavoretto…pensavo… di tutto riposo, sono il maggior d’Uomo, rigoverno da mattin a sera, Maremma maiala, voglio tornare a fare il mio vecchio mestier…l’uomo vero’

Ad oggi sono ancora 7milioni e 338mila le donne che si dichiarano casalinghe nel nostro Paese. 

Poco più della metà di loro non ha mai svolto attività lavorativa retribuita nel corso della vita.

Il motivo principale per cui le casalinghe di 18-34 anni non cercano un lavoro retribuito è familiare nel 73% dei casi. 600 mila casalinghe sono scoraggiate e pensano di non poter trovare mai un lavoro (Istat, 2016). 

L’intento è di ‘alzare la realtà di un tono attraverso l’immaginazione’ (Bachelard). La casalinga offline in questo spettacolo riuscirà a trasformarsi in una Maker Onlife? E l’uomo vicino al lei, riuscirà a sviluppare una cultura collaborativa?

 
 

Altre date

  • 2018-03-07 21:00 - 23:30

Powered by iCagenda