Officine raccoglie 1500 euro per il Monte Serra con lo spettacolo di beneficenza "Non scegliere la paura"

Sono 1500 gli euro raccolti grazie allo spettacolo di beneficenza organizzato dalle Officine Garibaldi

per la rinascita del Monte Serra.

Con “Non scegliere la paura – voci intorno al femminicidio”, messo in scena dal “Teatro del Ghigno” con la direzione di Paola Maccario, gli spazi di via Gioberti hanno registrato un tutto esaurito il cui incasso è stato interamente devoluto alla campagna “Il Serra rinasce”, sottoscrizione che vede unite Regione Toscana e La Nazione per sostenere le aree colpite dall’incendio. Ieri mattina si è svolta la consegna simbolica della somma (già versata sul conto corrente aperto per l’iniziativa, Iban: IT80L0103002818000000434331) da parte del direttore generale di Officine Garibaldi, Giancarlo Freggia, al caposervizio della redazione pisana de La Nazione, Guglielmo Vezzosi.

“Lo spirito solidale della nostra comunità è stato davvero forte – ha commentato il direttore gene-rale di Officine e presidente di Paim, Giancarlo Freggia –. Una risposta che va oltre a ogni nostra rosea aspettativa: a tutti, dagli artisti intervenuti agli spettatori, va il nostro ringraziamento”.

IMG 3570

Una forte solidarietà espressa proprio dagli attori e musicisti che sono saliti sul palcoscenico do-nando il loro talento alla causa. Intensa la rappresentazione della compagnia del "Teatro del ghi-gno" con la regia di Maccario, sul palco con una toccante esibizione sul femminicidio. Le storie portate in scena erano tratte da reali episodi di cronaca, rielaborati dagli interpreti. Emozionante anche l’esibizione della cantautrice Manuela Arrighi, accompagnata dalla corista Alice Zucchini, dalla pianista Chiara Venturini e dal bassista Lorenzo Cella. Sul palco anche i ballerini di “Rock and Swing easy”, l’associazione Baraonda, il musicista Massimo Di Benga e il cantante Nicola Pagano. Insieme a tutti gli artisti ha prestato il suo talento l’attore e regista Renato Raimo. Allo spettacolo ha partecipato la dottoressa Mojda Azadegan, coordinatrice aziendale del codicerosa all’azienda ospedaliero universitaria pisana, intervenuta sul servizio che coordina per la Aoup.

Hanno patrocinato lo spettacolo il Comune di Calci, che ha partecipato alla serata con il suo vice-sindaco Valentina Ricotta, Paim, Artide&Antartide, Hispanico, Evolution Tv, Università di Pisa, Fondazione Arpa, Ospedale Donna, Fondazione Onda, Associazione degli amici della Certosa di Pisa a Calci, Unità Migranti in Italia, Diritti Integrazione e Mediazione, Codice Rosa servizio sani-tario della Toscana, Blog Biblioteca Officine Garibaldi, Istituto Galileo, Luciano Spera audio video Luci.